Cure termali

La fangoterapia

Nel trattamento fangoterapico, il fango termale viene applicato gradatamente sulla cute alla temperatura di circa 40°C in modo generale su tutto il corpo (ad esclusione della zona toracica anteriore e del capo) o in modo parziale su una delimitata area.
La durata della fangoterapia varia dai 15 ai 30 minuti, a seconda del trattamento. Dopo la fangatura il paziente viene lavato con una doccia calda ed immerso in un bagno termale alla temperatura di circa 38°C per un tempo di 8-10 minuti.
Al termine, la persona raggiunge la propria stanza dove riposa a letto per circa 30-60 minuti, in modo da permettere un’adeguata reazione sudorale.

Oltre ad avere un effetto benefico su tutto il corpo in generale, la fangoterapia è consigliata come trattamento di particolari patologie croniche dell’apparato scheletrico.

Le terapie inalatorie

È riconosciuta a livello nazionale l’efficacia dell’inalazione di acqua termale nebulizzata per la cura delle patologie delle vie respiratorie e nelle prevenzione di eventuali riacutizzazioni.
L’acqua termale, grazie a speciali strumentazioni, viene nebulizzata in particelle che, inalate, si rendono efficace trattamento nella cura di patologie delle vie respiratorie alte e basse.

Alle già presenti inalazioni ed aerosol è stata recentemente aggiunta anche la possibilità di effettuare trattamenti di docce nasali micronizzate, irrigazioni nasali e politzer.